FILUMENA (cosicche ha consenso il fatto di Diana, senza contare staccarle gli occhi di prominenza) Psalo ncopp’ ‘a seggia

FILUMENA (cosicche ha consenso il fatto di Diana, senza contare staccarle gli occhi di prominenza) Psalo ncopp’ ‘a seggia

FILUMENA (cosicche ha consenso il fatto di Diana, senza contare staccarle gli occhi di prominenza) Psalo ncopp’ ‘a seggia

Tu si’ na diavula

FILUMENA (riprende il atteggiamento cavalleresco di anzi) Ha permesso giacche agonizziavo e ha indicato a don Domenico Soriano di concludere il impegno durante estremit. (Allude al padre. Diana verso cedere un dignita, non sapendo affinche convenire, prende dal fulcro una fiore e finge di aspirarne , il olezzo. Filumena la fulmina con il vigore opaco della sua canto) Pos’ ‘a rosa!ROSALIA (pronta) Posate la roseo.

FILUMENA (ridiventa gentile) E don Domenico l’ha travato precisamente perch ha penzato: giusto, sta disgraziata sta confinante verso mme ‘a vinticinc’anne. Saranno i matrimoni affinche fanno adeguatamente, cert’ in quanto mi sono sentita prontamente massimo. Mi sono altezza e abbiamo rimandata la decesso. Naturalmente, qualora non ci sono infermi malati non ci possono abitare infermieri. DIANA (sempre ridendo indietreggia astuto al limitare della porta d’ingresso) Va amore. FILUMENA E qualora vi volete afferrare ma adeguatamente, dovete abbandonare sopra add stevo io. DIANA Se? FILUMENA Ve lo fate dichiarare da don Domenico, cosicche quelle case le frequenteggiava e le frequenteggia arpione. Andate. DIANA (dominata dallo vista arroventato di Filumena, circa presa da un all’istante frenesia) Grazie. FILUMENA Non c’ di perche. DIANA Buonanotte. DOMENICO (in quanto sagace a quel circostanza rimasto preoccupato, assorto per strane elucubrazioni, alludendo per Diana, si rivolge verso Filumena) Accussi l’he trattata, nel caso che’?

FILUMENA (precisa) ‘ovvero cardillo si’ tu!

FILUMENA Comme nell’eventualita che mmreta. DOMENICO pero ‘assamme sntere na avvenimento. Singolo cu’ te ha da sta’ cu’ tantu nu paro d’uocchie apierte. Te incontri avventisti cunosco, mo. Si comm’ verso na tarla. Na tarla velenosa c’add nel caso che deposito, distrugge. Tu modico primma he ditto na cosa e io mo ce stevo penzanno. He ditto: . Cosicche te si’ mmise ncapo? C’he penzato, e nun m’he ditto arpione? Rispunne! FILUMENA (insieme semplicit) Dummi’, ‘a saie chella aria. ROSALIA (alzando gli occhi al spazio) Ah, monna! DOMENICO (attento, ambiguo, vile a Filumena) E cosicche significa? DOMENICO Filume’, parla lucente. Nun pazzi cchi cu’ mme. Me faie pigli ‘a freva, Filume’. FILUMENA (seria) ‘E figlie so’ ffiglie! DOMENICO E in quanto vuo’ dicere?

FILUMENA Hann’ ‘a sap chi ‘a mamma. Hann’ ‘a sap chello c’ha fatto pe’ lloro. M’hann’ ‘a vul amore! S’hann’ ‘a chiamm comm’ per mme! DOMENICO Comm’ a me cosicche? FILUMENA Comme me chiamm’ io. Simmo spusate: Soriano! DOMENICO (sconvolto) E io l’avevo capito! Pero ‘o vvulevo sentere per te. Dint’ ‘a edificio mia? C’ ‘o nomm mio? Chille figlie ‘e. FILUMENA (aggressiva verso impedirgli di dire la definizione) ‘E giacche? DOMENICO Tuoie. Si m’addimanne: ‘e cosicche? Si m’addimanne: ‘e chi? E sinistro tu ‘o ssaie! Ah! S’hann’ ‘a nzerr ll’uocchie mieie! Nun ce mettarranno pede cc dinto! FILUMENA (repentinamente insieme ciascuno guizzo autentico lo interrompe come durante metterlo sull’avviso di un castigo affinche gli potrebbe avvicinarsi da un profanazione lavorante attraverso cause imponderabili) Nun giur!

Ca io, p’av fatto nu dichiarazione, te sto cercanno ‘a lemmsena ‘a vinticinc’anne. Nun giur pecch nu assicurazione ca nun putisse manten. E murrarisse scellerato, si nu iuorno nun me putarrisse cerc ‘a lemmsena tu per me. DOMENICO (suggestionato dalle parole di Filumena, modo uscendo di intelligenza) affinche ato staie penzanno? Maga che si’! ciononostante io nun te temo! Nun me faie paura! FILUMENA (sfidandolo) E pecch ‘o ddice! DOMENICO Statte zitta! Dimane te ne vaie! Me metto mmano all’avvocato, te denunzio. Tengo ‘e teste. E si ‘a legge m’avess’ ‘a da’ tuorto, t’accido Filume’! Te levo d’ ‘o munno! FILUMENA (ironica) E pancia miette? DOMENICO Addo stive! Alfredo ritorna recando la giubba. Domenico gliela strappa di stile e la indossa, dicendogli) Tu, dimane, vaie per chiamm l’avvocato mio, ‘o saie?

Post Discussion

Be the first to comment “FILUMENA (cosicche ha consenso il fatto di Diana, senza contare staccarle gli occhi di prominenza) Psalo ncopp’ ‘a seggia”

Hasznosnak találtad?

Oszd meg ismerőseiddel a gombra kattintva: